(2013) Invecchiare e rimanere attivi. Una promessa o una minaccia

in Commentary and Voices
Lunaria

La nostra società vive il paradosso di valorizzare la vecchiaia nel segno della sua capacità attiva e di svalutare al contempo i giovani, che non riescono più ad accedere ai posti di lavoro e ai centri decisionali. Eppure questo tipo di approccio, evidentemente biopolitico perché considera gli anziani solo dal punto di vista biologico, trascura le specificità di ogni individuo e nasconde una logica economica di ottimizzazione e problem solving che penalizza chi non riesce a mantenersi dinamico e giovanile. L’invecchiamento attivo è senz’altro positivo se serve a superare la passività propria del vecchio welfare burocratizzato, ma coglie nel segno solo laddove spinga l’anziano all’autodeterminazione e all’inventiva e non a corrispondere a un’immagine tanto stereotipata quanto fasulla di riuscita, salute ed efficienza a tutti i costi.


Rivista Italianieuropei - Rivista 5-6 / 2013


http://www.italianieuropei.com/it/italianieuropei-5-6-2013/item/3061-invecchiare-e-rimanere-attivi-una-promessa-o-una-minaccia.html

Keywords

Invecchiamento attivo