(2013) Valutazione internazionale delle competenze degli adulti (PIAAC),

in Evaluation
Lunaria

L'indagine valuta le competenze alfabetiche, matematiche e di risoluzione dei problemi nell'ambito delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) degli adulti di età compresa tra 16 e 65 anni in 17 paesi dell'UE: Belgio (Fiandre), Repubblica ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Cipro, Paesi Bassi, Austria, Polonia, Slovacchia, Spagna, Svezia e Regno Unito (Inghilterra e Irlanda del Nord), nonché in Australia, Canada, Giappone, Repubblica di Corea, Norvegia e Stati Uniti d'America.


Principali risultati dell'indagine: il 20% della popolazione dell'UE in età lavorativa possiede esigue capacità alfabetiche e matematiche: il tasso è più elevato tra i disoccupati maggiormente esposti al rischio di rimanere bloccati ad un livello ridotto di competenze, perché seguono poche formazioni per adulti o non ne seguono alcuna; il 25% degli adulti non possiede le competenze digitali necessarie per usare le TIC in modo efficace (affrontare questo problema è uno degli obiettivi della nuova iniziativa della Commissione Aprire l'istruzione); vi sono notevoli differenze tra i paesi per quanto riguarda le competenze fornite mediante l'istruzione formale: in alcuni Stati membri i giovani con un diploma di istruzione secondaria superiore che hanno recentemente abbandonato gli studi posseggono un livello di competenze simile o superiore rispetto alle persone in possesso di un diploma di istruzione superiore in altri Stati membri; le politiche di apprendimento permanente devono mirare a sostenere le competenze delle persone nel tempo, soprattutto considerando i divari generazionali che l'indagine ha messo in luce nonché i notevoli benefici economici e sociali derivanti da un livello più elevato di competenze.


http://europa.eu/rapid/press-release_IP-13-922_it.htm

Keywords

Valutazione, apprendimento degli anziani